27 gennaio 2012

"Il volo di Sara" Fatatrac Edizioni su Andersen e ZazieNews



IL CORAGGIO DEL PETTIROSSO
di W. Fochesato

Vetrina Andersen gennaio 2012



Torna, con questo albo intenso e delicato, il tema dell'Olocausto. E insieme agli albi della Concejo (Fumo, Logos 2011) e di Gubellini (Nessuna differenza?!, Principi & Principi 2011), tanto per fermarsi alle ultime cose, rappresenta una sorta di  preciso e implicito contrasto a lo "sterminio patinato", per usare le parole di Matteo Corradini, di un libro falso ed equivoco come Il bambino con il pigiama a righe di John Boyne. Apro una parentesi polemica. Mi dicono che il film che ne è stato tratto sia molto gettonato tra le scuole e che, in occasione del "Giorno della memoria" alcune amministrazioni locali e regionali (magari di centro-sinistra!) ne facciano numerose proiezioni. Mi chiedo ma che razza di criteri si usano per scegliere un'opera come questa? che informazioni si hanno o si assumono in merito? E ancora che esiti si avranno nella considerazione che bambini e ragazzi si faranno della Shoah? Meglio tornare al libro di Lorenza Farina illustrato da Sonia Possentini che sceglie la strada non facile di mettere al centro della propria narrazione i volti, soprattutto quelli dei bambini. Scegliendo con ciò una strada diversa da quella di Roberto Innocenti ne La storia di Erika dove nulla veniva mostrato né delle vittime né dei carnefici quasi a ribadire che ci si triva a qualcosa di indicibile e di non rappresentabile. Ma ricorrendo anche ad un uso attento di fonti fotografiche le fattezze che la Possentini ci mostra volgono al dramma dolente; sono visi appena accennati, pochi tratti neri sul fondo bianco. Maschere lattee sul nero, che rimandano a simboli di morte. La mesta processione di donne e bambini appena scesi dal convoglio sembrano quasi un'immagine notturna delle andade, le processioni dei morti, secondo credenze un tempo vivissime nell'arco appenninico e che forse l'autrice conosce. E a confermarlo ci sarebbe anche la stella di David cucita sugli abiti che luccica fredda e forte come una candela. Soltanto Sara, con il suo volto sparuto e spaurito, viene tratteggiata con maggior precisione. È lei la protagonista di questa piccola e dolorosa vicenda che, con un tocco in più di poesia e di coraggio (e qui tornerebbero i nomi di Innocenti o anche quello di Molesini) Lorenza Farina affida ad un piccolo pettirosso che decide per quel che può di aiutarla e di proteggerla, soprattutto di consolarla e rallegrarla. Finché, quando la piccola è già in fila per le camere a gas, accade che il pettirosso e gli altri uccelli presenti nel campo diano vita ad una sorta di miracolo; volendo di alleanza fra infanzia e animali. L'irruzione di un realismo magico che ci consola ma, giustamente, non ci acquieta né ci rasserena. Una scelta ricca di garbo e poesia, una possibile metafora per rappresentare la perdita di tante e tante vite umane. Bellissime le tavole impietose, e al tempo stesso morbide, di Sonia Possentini. Frutto di un non banale documentarsi e di un impegno civile che per lei è scelta di vita. Un soffuso concerto di luci e ombre, di accenti e di accenni. E anche qui, come nel Rosa Bianca l'aprirsi finale dell'azzurro del cielo.



Niente. Il nulla. il vuoto.


di Agata Diakoviez

                                     


La guerra è nera, la paura anche. Ha occhi che attraversano le viscere di ciascuno, in ogni tempo. Sono occhi profondi come pozzi quelli disegnati da Sonia M. L. Possentini per il racconto Il volo di Sara di Lorenza Farina, occhi che più che guardati ti spingono a guardarli, a scendere nell'abisso dell'insensatezza dell'animo umano. Il piccolo pettirosso è la speranza che aiuterà Sarà a volare lontano. Il pettirosso, una delle poesie di Emily Dickinson può accompagnare la lettura di quest' albo illustrato, in un gioco che si fa ribaltamento in cui chi è più piccolo e indifeso può aiutare l'altro a riprendere il volo.



zazienews



22 gennaio 2012

Il Volo di Sara a Casalecchio di Reno Casa della Conoscenza


In Piazza delle Culture prima presentazione 

IL VOLO DI SARA

Venerdì 27 gennaio 2012 
ore 17,00

Casa della Conoscenza
Via Porrettana 360
Casalecchio di Reno




SEGUIRANNO:


Sabato 28 gennaio 2012Ore 16.30
Areopago del Centro Culturale San Paolo

Viale Ferrarin, 30 - Vicenza
In collaborazione con Libreria San Paolo di Vicenza

Domenica 29 gennaio 2012Ore 17.00
Libreria Palazzo Roberti

Via Jacopo da Ponte, 34 - Bassano del Grappa

Partecipano: Lorenza Farina, autrice del racconto e Sonia M.L. Possentini, illustratrice.
Legge il racconto Franca Grimaldi accompagnata alla chitarra da Riccardo Bertuzzi.
Conduce: Antonio Pigatto, direttore del Centro Culturale San Paolo di Vicenza.
Ingresso libero.

Per informazioni:
Casalecchio delle Culture: tel. 051 598243
Centro Culturale San Paolo: tel. 0444 937499
Libreria Palazzo Roberti: tel. 0424 522537



17 gennaio 2012

Aria. I colori del Sacro Museo Diocesano Padova


ARIA

I COLORI DEL SACRO
MUSEO DIOCESANO PADOVA


Inaugurazione Venerdì 20 gennaio, ore 11, 00

Museo Diocesano
Piazza Duomo
Padova
La mostra sarà visitabile dal 20 gennaio al 3 giugno 2012



Impalpabile, invisibile eppure vitale e essenziale: è l'aria. È a questo elemento che "I colori del sacro", Rassegna Internazionale di illustrazione, dedica la sua sesta edizione, a dipanare un progetto che, biennio dopo biennio, ha preso in esame tutte le declinazioni degli elementi che danno e assicurano la vita.

"Abbiamo voluto - annuncia il Direttore del museo Diocesano di Padova Andrea Nante - raccontare con i colori cos'è la voce del vento, il ritmo del respiro, il sollievo del soffio, la chiamata dello Spirito e, nella sua valenza più simbolica, la forza dell'ispirazione, la dolcezza della musica, la potenza della parola, del Verbo, nel tentativo di portare alla luce attraverso l'arte quel sacro che accomuna anche chi non crede".

L'invito è stato raccolto da un centinaio di illustratori di mezzo mondo, cristiani, musulmani, ebrei, seguaci di culti orientali o indifferenti, firme famose e celebrate del mondo dell'illustrazione ma anche nuove, freschissime voci. La selezione, basata sulla qualità dell'opera e non certo sul credo dell'autore, ha consentito di individuare le espressioni di 90 artisti dei cinque Continenti.

Queste tavole originali saranno esposte dal 20 gennaio al 3 giugno 2012 nella mostra allestita sotto le medievali volte delle Gallerie del Palazzo Vescovile di Padova, Palazzo che ospita, al Piano Nobile, accanto alla magnifica Sala dei Vescovi, i tesori d'arte del Museo Diocesano.


Tutte le proposte didattiche sono scaricabili dal sito della rassegna.

Per informazioni:
Tel. 049 8761924 - 049 652855


Gli illustratori selezionati:

Roshanak Ahadi, Iran; Elham Asadi, Iran; Francesca Assirelli, Italia; Monica Auriemma, Italia; Dolores Avendaño, Argentina; Alain Bailhache, Francia; Maria Battaglia, Italia; Nicoletta Bertelle, Italia; Giuseppe Braghiroli, Italia; Anna Castagnoli, Italia; Diana Margareta Cepleanu, Romania; Che-ming Chang, Taiwan; Alessandra Cimatoribus, Italia; Jesús Cisneros Laguna, Spagna; Anna Curti, Italia; Alessandra D’Este, Italia; Tommaso D’Incalci, Italia; Clara De Villiers, Germania; Claudia Degliuomini, Argentina; Miguel Ángel Díez, Spagna; María Paula Dufour, Argentina; Silvia Fabris, Italia; Giuliano Ferri, Italia; Michele Ferri, Italia; Amrei Fiedler, Germania; Joanna Grochocka, Polonia; Carole Hénaff, Spagna; Elsa Huet, Francia; Roberto Innocenti, Italia; Serena Intilia, Italia; Anna Laura Jacobi, Germania; Marius Jonutis, Lituania; Anzell Jordaan, USA; Shabnam Jourabchi, Iran; Svjetlan Junaković, Croazia; Simone Kesting, Germania; Sahar Khorasani, Iran; Sharareh Khosravani, Iran; Mayuko Kuwada, Giappone; Bimba Landmann, Italia; Gémeo Luís, Portogallo; Azadeh Madani, Iran; Reza Maktabi, Iran; Carla Manea, Italia; Benedetta Manfriani, Italia; Giovanni Manna, Italia; Daniela Miotti, Italia; Eva Montanari, Italia; Valentina Morea, Italia; Junko Nagano, Giappone; Karim Nasr, Iran; Stefano Nava, Italia; Franziska Neubert, Germania; Afra Nobahar¸ Iran; Homa Nozad, Iran; Bente Olesen Nyström, Danimarca; Feridun Oral, Turchia; Silvia Paggiarin, Italia; Arianna Papini, Italia; Andreina Parpajola, Italia; Daria Petrilli, Italia; Cristina Pieropan, Italia; Ilaria Pigaglio, Italia; Miro Pogran, Repubblica Ceca; Sonia Maria Luce Possentini, Italia; Petra Preželj, Slovenia; Olga Ptacek, Repubblica Ceca; Riccardo e Margherita, Italia; Valentina Salmaso, Italia; Loretta Serofilli, Italia; Lucia Sforza, Italia; Daša Simčič, Slovenia; Masoumeh Sohbati, Iran; Alenka Sottler, Slovenia; Franki Sparke, Australia; Noh Sung-Bin, Korea; Gerardo Suzań Prone, Messico; Momo Takano, Giappone; Shaun Tan, Australia; Satoe Tone, Giappone; Felipe Ugalde Alcantara, Messico; Marjan Vafaeian, Iran; Cecilia Varela, Argentina; María Wernicke, Argentina; Bente Wolke, Germania; Morteza Zahedi, Iran; Štěpán Zavřel, Repubblica Ceca.




11 gennaio 2012

Fatatrac- Il Volo di Sara- in libreria



IL VOLO DI SARA
di Lorenza Farina

FATATRAC EDIZIONI

in libreria



"credo nella verità che non è mai adattabile...
E le reazioni alla verità, sono sempre inaspettate..."

sonia mluce possentini


     



part. 1


        “I bambini nella logica nazista erano i primi a dover essere eliminati.
        Questo perché erano bambini cioè rappresentavano la trasmissione culturale... 
Uccidere i bambini significava ucciderne il futuro. 

Ma i bambini sono pure d’ostacolo all’efficienza del sistema.
 Essi erano irritanti per i nazisti”.


part. 2





intervista a due voci su

Officina Genitori:




 

10 gennaio 2012

Giunti: Benvenuti in casa Esposito


Giunti Editore

"Benvenuti in casa Esposito"
di Pino Imperatore

copertina per l'esilarante commedia tragicomica



in libreria

   




Le avventure tragicomiche di una famiglia camorrista
Il rione Sanità, dove è nato il principe della risata Totò, è uno dei più affascinanti e misteriosi di Napoli. Qui vive, con la sua famiglia allargata, Tonino Esposito, orfano di un boss della camorra. Tonino riceve dal clan un sussidio mensile e potrebbe vivere di rendita. Invece si intestardisce a voler imitare le gesta paterne, senza riuscirvi. Perché è goffo, sfigato, arruffone, incapace di difendersi: un antieroe tragicomico, che tra incubi e visioni, ingenuità e imbranataggini, ne combina di tutti i colori. 
Uno spaccato divertente e allo stesso tempo crudele della Napoli contemporanea, città dalle mille contraddizioni e dalle tante difficoltà, capace però di non perdere mai la speranza in un futuro migliore.


05 gennaio 2012

Libiamo nè lieti calici...


Buon Anno !

" per me le sole persone possibili sono i pazzi di vita, pazzi quando gli parli,
 pazzamente bisognosi di salvezza, che desiderano tutto insieme; 
quelli che non sbadigliano mai o dicono una cosa banale, ma bruciano, bruciano, bruciano come fantastici fuochi d'artificio gialli che esplodono come ragni tra le stelle con nel mezzo una luce blu 
che fa "pop" e noi tutti facciamo "ohhh!"

(Jack Kerouac)


foto di Antonio Donato